Mutamenti climatici e le sue cause

Da ormai qualche decennio il tema sui cambiamenti climatici è diventato di uso comune, ogni persona ha sentito parlare diverse volte di questo tema, e ci si chiede spesso perché è diventato un problema solo ora e prima non lo era.

I cambiamenti climatici ci sono sempre stati, sicuramente in misura minore e ovviamente hanno sconvolto la vita delle persone, tuttavia la scienza ha iniziato ad interessarsi seriamente ad essi solamente durante il corso del secolo scorso.

Effetti sulla vita delle persone

Infatti, la storia ci insegna di numerosissimi cambiamenti climatici, alcuni anche molto impattanti, dall’ultima glaciazione che ha influenzato (e ucciso) moltissime persone, e moltissime le ha costrette ad emigrare o vivere in condizioni molto disagiate, ma è un evento che risale a 10.000 anni fa.

Durante il corso dell’ultimo millennio vi è stata quella che gli esperti definiscono una mini era glaciale, ma ancora la scienza non esisteva.

Invece, il secolo cosiddetto breve, il XX, ha subito i fenomeni opposti, lievi ma costanti surriscaldamenti che agli occhi delle persone comuni potrebbero sembrare insignificanti.

Spesso sentiamo di stime che parlano dell’innalzamento della temperatura di un paio di gradi nel corso dei prossimi decenni, e pensiamo che non avranno nessuna importanza, invece, anche variazioni cosi lievi possono portare ad avanzamento dei deserti o scioglimento di enormi quantità di ghiaccio ai poli, con conseguente innalzamento del livello degli oceani.

Tutto questo si traduce almeno in una minore quantità di terreno a fronte di una popolazione mondiale sempre in crescita. Ricordiamo che presto saremo 7 miliardi, e all’inizio del XX secolo abbiamo superato per la prima volta nella storia il numero di 1 miliardo di abitanti, e nei secoli precedenti eravamo molto di meno. Mai prima di ora si è presentato il problema delle risorse necessarie ad un numero così elevato di persone.

Ma quali sono le cause dei cambiamenti climatici?

Beh, possiamo dividerle in due grandi famiglie, quelle esterne, ovvero che hanno origine al di fuori del nostro pianeta e lo influenzano ugualmente, e quelle interne.

Quelle esterne possono essere soprattutto le variazioni delle orbite del nostro pianeta, che ad esempio provocano le glaciazioni (insieme ad altri fattori), oppure le attività del sole, o ancora come tutti sappiamo, l’impatto di meteoriti con il nostro pianeta.

Quelle interne sono di diverso tipo, e di diversa origine, pensiamo ad esempio alla deriva dei continenti, fenomeno naturale che esiste da sempre, o alla composizione chimica della nostra atmosfera, dovendo doverosamente fare una distinzione, ed intendendo in questo caso variazione della composizione chimica per cause naturali.

Oltre a queste esistono quelle per cause antropomorfe, ad esempio tutti ricordiamo l’uso spropositato degli anni 70 dei cosiddetti gas serra, che hanno causato o ampliato il famoso buco dell’ozono, per fortuna stiamo parlando di una problematica quasi risolta.